Da non perdere
Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione in anteprima: “Al cuore… si comanda” di Lexie Nicholls

Recensione in anteprima: “Al cuore… si comanda” di Lexie Nicholls

Tre amiche fuori dal comune.
Un gatto pigro e tremendamente viziato.
Una mandria di vecchietti agguerriti, sempre in fila dal dottore.
Mi chiamo Natalie Parker e queste sono le costanti della mia vita.
Anzi, mi correggo. Queste erano le costanti della mia vita.
Finché il destino non mi ha servito su un piatto d’argento un sexy tenente dell’esercito americano, facendolo trasferire a pochi passi dal mio portone.
Ma Logan Matthews significa guai.
Enormi, possenti e sensualissimi guai.
Di quelli che una sognatrice come me dovrebbe evitare come la peste.
Eppure, nonostante le mie terribili gaffe, qualche bizzarro incidente di percorso e una timidezza che rischia di essere travolta da un concentrato accattivante di muscoli, prepotenza e testosterone, Logan Matthews mi desidera in un modo che fa sussultare il corpo, infiammare i sensi e palpitare il cuore.
E quando il cuore palpita… è sempre un gran pasticcio.

Quando ho iniziato a leggere questo libro, ho pensato di avere davanti la classica storia alla “Sex and the City”, dalla trama un po’ superficiale: quattro amiche single e disinibite alla ricerca dell’uomo giusto. Poi, però, mi sono resa conto di essere già a metà libro senza essere riuscita a staccare gli occhi nemmeno per un attimo, perché al di là della sottile ironia che contraddistingue questa autrice c’è una patina di sensualità che permea le pagine e che attira come fosse una magia.

Le mie migliori amiche vivono di grandi ambizioni. Phoebe punta ogni uomo il cui conto in banca possieda più di otto zeri… Tara, giornalista di successo presso il Riverfront… Rachel, una veterinaria felicemente fidanzata…

E poi ci sono io. Natalie Parker. Ho venticinque anni e faccio la segretaria nella clinica medica privata del dottor Ferguson, convivo con Tara che a casa non c’è mai perché al giornale non le danno mai tregua, mi abbuffo di dolci insieme al mio gatto persiano e sogno sempre il grande amore. Quello con la A maiuscola. Quello che ti sconvolge la vita e ti travolge come un uragano. Quello che ti mozza il respiro, te lo ruba e non te lo restituisce più.

Benché abbia pensato che le continue similitudini usate per accentuare l’aspetto ironico del racconto fossero un po’ eccessive, devo dire che continuando a leggere mi sono resa conto che queste diminuiscono pur riuscendo ad alleggerire in maniera perfetta alcune scene in cui il forte carico emotivo oscurerebbe l’aspetto divertente che l’autrice ha voluto dare alla storia.

Due i punti di forza di questo libro: in primis, lo stile dell’autrice, unico, leggero, irriverente ma allo stesso tempo chiaro e scorrevole, che trasforma una storia ordinaria in un racconto fuori dagli schemi, esilarante e coinvolgente allo stesso tempo. In effetti, per chi come me ha avuto la fortuna di interagire con l’autrice attraverso le pagine di RFS o incontrarla di persona, si nota un forte richiamo al suo modo di parlare e di comportarsi, tanto da avere la sensazione di averla nella stanza a raccontarti la storia col suo modo scanzonato e ironico, innalzando la qualità del romanzo.

Altro che acqua tramutata in vino nel Vangelo secondo Giovanni, perché il miracolo dell’anno è questo. Questo. Acqua che diventa fuoco. Sotto le sue dita. È il Vangelo secondo Logan Matthews. «Te l’hanno mai detto che tenere addosso i vestiti bagnati fa male?» la sua voce roca non lascia scampo.

E poi c’è il protagonista maschile, un maschione pieno di muscoli e arroganza, il protagonista con la P maiuscola, di quelli che ti entrano sotto pelle e non riesci a dimenticare nemmeno mentre fai le faccende domestiche. Un maschio di quelli che solo la Nicholls riesce a creare, che vorresti trovare in ogni romanzo (e non solo!!!) e che riesce a esaltare una protagonista femminile non troppo appariscente e accattivante senza oscurarla.

«Queste mutandine non mi piacciono» dichiara, afferrando l’elastico con le stesse due dita che sono ancora bagnate dei miei umori. «Ah no? Perché?» Il mio cuore non smette di martellare furioso dentro la gabbia toracica. «Perché mi ostacolano. E io non voglio barriere tra me e ciò che desidero» inizia a farle scorrere lentamente verso il basso. «Tra me e ciò che è mio di diritto.» Suo di diritto… adesso non esageriamo…

Dunque, per rispondere alla domanda dell’autrice “Ti sei divertita?”, la risposta è sì, mi sono divertita molto, ma mai quanto ho sospirato nel leggere i momenti e le interazioni tra i due protagonisti. Perché, se apparentemente questo libro dovrebbe “far ridere”, in realtà racconta l’inizio di una storia d’amore come succede anche nella realtà, e noi lettrici non ce ne rendiamo conto finché non arriviamo al finale.

Adesso non resta altro che aspettare la seconda parte del libro per vedere come va a finire e, conoscendo la Nicholls, un’idea ce l’avrei. Sono curiosa di leggere quali peripezie dovranno affrontare i protagonisti per arrivare al loro lieto fine.

Tanti complimenti Lexie, era ora di vedere pubblicato qualcosa di tuo.

Perché quando una sa scrivere come scrivi tu, è un peccato rimanere nell’ombra!

A cura:

A cura:

Tre amiche fuori dal comune. Un gatto pigro e tremendamente viziato. Una mandria di vecchietti agguerriti, sempre in fila dal dottore. Mi chiamo Natalie Parker e queste sono le costanti della mia vita. Anzi, mi correggo. Queste erano le costanti della mia vita. Finché il destino non mi ha servito su un piatto d’argento un sexy tenente dell’esercito americano, facendolo trasferire a pochi passi dal mio portone. Ma Logan Matthews significa guai. Enormi, possenti e sensualissimi guai. Di quelli che una sognatrice come me dovrebbe evitare come la peste. Eppure, nonostante le mie terribili gaffe, qualche bizzarro incidente di percorso…

Score

Voto Kida 4,5

Voto Utenti : 4.82 ( 3 voti)

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: “Parigi, amore e altri disastri” di Marta Savarino

Buongiorno Fenici, a Emanuela non è piaciuto il libro di Marta Savarino, ...