Da non perdere
Home / Recensioni libri cult / Recensione: “Amore senza regole” di Emma Chase (serie Sexy Lawyers #3)

Recensione: “Amore senza regole” di Emma Chase (serie Sexy Lawyers #3)

Care Fenici, ecco la recensione di Barbara per “Amore senza regole” di Emma Chase (serie Sexy Lawyers #3)

Quando Brent Mason guarda Kennedy Randolph, non vede la goffa e dolce ragazza con cui è cresciuto, ma una donna splendida, sicura di sé… che non esiterebbe a schiacciare le sue parti intime con le sue Louboutin. Quando Kennedy guarda Brent, tutto quello che vede è l’adolescente egoista e superficiale che l’ha umiliata al liceo, insieme alla maggior parte della gente che a quel tempo rendeva la sua vita un inferno. Ma ora non è più un’emarginata, adesso è un procuratore con una lunga scia di successi alle spalle. Forse è arrivato il momento di far vivere anche a Brent un piccolo inferno. Le cose però non vanno esattamente come Kennedy ha previsto. Perché gli occhi di Brent, puntati su di lei, la fanno solo accendere di desiderio. Tanto da domandarsi se anche nell’intimità sia così passionale come in un’aula di tribunale…

 

Emma Chase è una garanzia e non delude mai, ormai posso dirlo con certezza.

Con questo terzo romanzo della serie “Sexy Lowyers“ è riuscita anche nell’impresa di rendere una storia ovvia, già vista e già sentita mille volte, speciale e interessante come se fosse stata scritta per la prima volta proprio da lei.

Non è forse il suo romanzo più bello, leggendolo non si prova lo stesso batticuore che ti scatenano pagine come quelle di “Non cercarmi mai più“ o “Niente regole”, ma in ogni caso è riuscita a dare vita a una storia emozionante, delicata, soprattutto mai smielata o banale.

Brent Mason è uno dei sexy avvocati che abbiamo imparato ad amare nei capitoli precedenti della saga. E‘ divertente, allegro, positivo, convinto che prendere la vita e le relazioni alla leggera sia il segreto dell’essere felici.

Da bambino ha subito un grave incidente che gli ha causato l’amputazione di una gamba, evento traumatico che ha segnato tutta la sua esistenza, ma nonostante questo non si è dato per vinto. Brent ha lottato per superare la menomazione e diventare un abile avvocato, e nonostante le possibilità economiche della sua famiglia ha rifiutato tutti gli aiuti possibili e si è fatto strada da solo.

Pur con la protesi è un uomo affascinante e non ci sono al mondo donne che non lo reputino appetibile e attraente.

Kennedy Randolph è la migliore amica che Brent abbia mai avuto. Da piccoli trascorrevano molto tempo insieme e la loro era una di quelle amicizie che sconfinano nell’amore, senza che i protagonisti se ne rendano conto.

Quando Brent e Kennedy si rincontrano, dopo anni di lontananza, le cose non vanno esattamente come Brent si era immaginato.

Kennedy è cambiata: da brutto anatroccolo si è trasformata in cigno, ha lasciato da parte gli occhiali e le acconciature arruffate, e si è infilata in abiti costosi e d’alta moda, e quando lo vede non si dimostra esattamente amichevole con lui.

I due si ritrovano agli angoli opposti dell’aula di tribunale, e non solo. Kennedy sembra assolutamente decisa a fargliela pagare, a punirlo per qualcosa che Brent non sa di aver commesso, ma l’attrazione fra i due e l’affetto nascosto, schiacciato dai brutti ricordi, non potranno tenerli lontani per molto.

Emma Chase ha il dono di saper giocare con le parole, mettendo insieme metafore brillanti. Ha la capacità di farti saltare agli occhi ogni dettaglio, anche il più insignificante, come una pennellata di colore su un dipinto in bianco e nero, ed è in grado di far pensare e parlare gli uomini come uomini e non come vorrebbero le donne, il che è davvero una gran cosa.

Nonostante questo, però, i salti temporali che portano il lettore indietro nel tempo fino all’adolescenza dei due protagonisti non sono sempre piacevoli da seguire. Interrompono la narrazione, creano confusione e complicano il tutto anche se chiarificano il presente.

Un altro particolare spiacevole è la decisione dell’autrice di cominciare il primo capitolo con uno scorcio di Brent e Kennedy nel futuro e poi tornare indietro a quattro settimane prima.

Il lettore comincia quindi già sapendo che la storia d’amore fra i due comincerà a dispetto di tutti i problemi messi successivamente in campo, e resta solo il dubbio se riusciranno a restare insieme o meno.

Nel complesso è un bel romanzo, assolutamente da leggere, anche se lascia trasparire che Emma Chase non fosse al massimo delle sue facoltà e che magari risparmiasse energie per il quarto ed ultimo capitolo della serie.

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione: “Il principio della magia” di October Avalon (serie Il Circolo di Mezzanotte #7)

Care Fenici, oggi Maljka ci parla di “Il principio della magia” di October ...