Home / Otaku per passione / Otaku per passione: Recensione “Coo che arrivò da un mare lontano”

Otaku per passione: Recensione “Coo che arrivò da un mare lontano”

 

Titolo orig. Coo: Tooi Umi Kara Kita Coo
Lingua orig. Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1993
Durata 110 min.
Genere Avventura, Mistero, Slice of life
Casa Produttrice Toei Animation
Regia e Sceneggiatura Tetsuo Imazawa e Kihachi Okamoto
Character Design Haruhiko Mikimoto e Masahiko Ohkura
Musiche Kazumasa Oda e Nick Wood

 

Ecco mi qui oggi per raccontarvi, e farvi scoprire, una dolce storia a sfondo ecologista, una storia che purtroppo ha avuto poco successo, ispirato ad un romanzo di Tamio Kageyama e vincitore del Naoki Prize.

Andiamo per ordine… La storia narra di Yosuke Obata, un ragazzo che vive insieme al padre Tetsuro (noto oceanografo) in un isoletta sulle isole Fiji. Proprio sulla spiaggia di quest’isola trova arenato, dopo una notte tempestosa, un cucciolo di Plesiosauro, che chiamerà Coo.

Un dinosauro vivente nei giorni nostri è sicuramente una grandiosa scoperta a livello scientifico; ma come sarà possibile proteggere il cucciolo ed il suo habitat quando in gioco subentrano varie nazioni senza scrupoli? Non solo questi cercheranno in tutti i modi di sottrarre il piccolo Coo dalla sua famiglia adottiva, ma vorranno anche portare avanti a tutti i costi i loro esperimenti atomici, anche se questo metterà in pericolo l’ecosistema di quei mari…

Per fortuna Yosuke e il padre non saranno soli nell’impresa, insieme a loro si aggiungerà Kathy, un’attivista ecologista che darà non solo supporto ai due ma si prodigherà per aiutare.

In questo lungometraggio si possono trovare moltissimi temi come ad esempio l’amicizia, l’importanza dell’ambiente e della sua tutela; inoltre non mancheranno momenti d’azione e d’avventura, e grazie alle atmosfere mai pesanti questo film è perfetto per tutta la famiglia!

Infine lo stile del disegno, i paesaggi e il character design, anche se non ricercati, nell’insieme risultano piacevoli e ben curati.

Per concludere consiglio questo film d’animazione a tutti coloro che amano lo stile dei vecchi cartoni e vogliono passare quasi due orette guardando un cartone divertente, ma che allo stesso tempo che coinvolga e faccia riflettere!

 

Voto: 4/5

 

Recensione a cura di: Lúthien

 

Editing: Tayla

 

 

 

 

 

Otaku per passione: Recensione “Coo che arrivò da un mare lontano”
Vota qui L\'articolo.

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Rg Veda delle Clamp”

      RG Veda o Veda (Rg veda – Seidan: Rigu ...

error: Contenuti di proprietà di RFS