Da non perdere
Home / Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm / “La bambola di porcellana” di Maxence Fermine

“La bambola di porcellana” di Maxence Fermine

È ormai trascorso un anno da quando Malo è tornato dal Regno delle Ombre. Da allora Lili, la piccola mercante di sogni dagli occhi dorati, occupa tutti i suoi pensieri. Quando, in un luna park di Edimburgo, il ragazzo rivede due abitanti del paese immaginario, decide di seguirli, determinato a rincontrare la sua amica. Sfortunatamente, il Regno delle Ombre si è trasformato più in un incubo che in un sogno a occhi aperti. Trovato rifugio dal sinistro Sir Luke, Malo non si sente per nulla rassicurato dell’interesse del suo ospite verso una meravigliosa bambola di porcellana. Quali oscuri disegni nasconde il misterioso fabbricante di giocattoli? Malo farebbe qualsiasi cosa pur di non restare al suo servizio, ma l’amicizia merita di affrontare qualunque rischio…“La bambola di porcellana” è il secondo libro della trilogia per bambini di Maxence Fermine, iniziata con “La piccola mercante di sogni”, scritti ispirandosi al sogno di una delle sue figlie.

Il libro inizia con il codice del Regno delle Ombre, già presente nel primo libro:

“Quando si scompare per la prima volta, lo si fa in sogno.

La seconda volta, non si sogna più.

La terza volta, non si vive più che nei sogni delle persone che si sono conosciute.”

E’ passato un anno dall’avventura fantastica di Malo nel Regno delle Ombre eppure non è passato un giorno in cui lui non abbia pensato a Lili (la piccola mercante di sogni), o cercato un passaggio per quel regno magico e surreale. Ora sta per compiere 12 anni, ma non festeggerà al parco dei divertimenti insieme ai suoi amici come avrebbe voluto. Infatti, il padre ha deciso che passeranno le feste di Ognissanti in Scozia, per via del “Settimo congresso dei portatori di cravatte”, una notizia che ha lasciato lui e la madre costernati.

L’arrivo ad Edimburgo non è dei più rosei: il cielo è cupo, piove, mentre l’albergo è di una noia mortale. Sotto consiglio della madre, Malo decide di recarsi al Luna Park accanto all’hotel per divertirsi un po’. Qui incontrerà due nani che parlano l’idiolotto, la stessa lingua usata dal mago Septimus, decidendo quindi di seguirli nel Palazzo degli Specchi, dove, grazie ad un oblò che irradia luce azzurrina ed ad un toboga, tornerà nel Regno delle Ombre scozzese.

Un grande corvo, un maniero lugubre, un altro mondo parallelo in bianco e nero molto più cupo di quello già visitato. Infatti, i due mondi sono differenti, anche se sempre popolato da strane creature fantastiche: Sir Luke (il creatore di giocattoli), due nani strampalati, Louison (una bambola di porcellana) e vecchi amici.

Una nuova avventura per Malo. Riuscirà a tornare nuovamente a casa? Cosa lo aspetta?

Un libro che incatena alle sue pagine bambini ed adulti: magia, avventura ed amicizia!

Età di lettura: dai 10 anni

Della stessa serie: La piccola mercante di sogni (Vol. 1); La fata dei ghiacci (Vol. 3)

Recensione a cura di 

Editing a cura di 

Ilaria

x

Check Also

Recensione: “The Kicks” episodio 9×01

    Questo penultimo episodio di stagione inizia con le Kicks tormentate ...

error: Contenuti di proprietà di RFS