Home / Interviste inedite perRFS / Intervista esclusiva per Romanticamente Fantasy a Thea Harrison

Intervista esclusiva per Romanticamente Fantasy a Thea Harrison

Cari lettori di Romanticamente Fantasy,
se amate il mondo del paranormal romance, e lo amate altrimenti non saremmo tutti qui, vi scrivo solo una parola: Wyr, che dopo aver letto il libro “Il legame del drago” di Thea Harrison, vi farà entrare in una nuova dimensione.
Ho sempre pensato che la Elder Races – Ciclo delle Razze Antiche – fosse una serie must-read tra i libri del genere e… finalmente sono arrivati anche da noi in Italia.
Vi troverete catapultati in un universo nuovo e originale nel suo mix di creature mitologiche, demoni, vampiri, mutaforma, senza far mancare anche popolo fatato e noi poveri umani. Storie ricche di magia, sensualità, passione,azione, ma anche tenerezza, ironia e amore. Personaggi maschili decisamente alfa e dominanti, che si trovano di fronte a donne che, per nostra somma gioia, sono in grado tenergli testa.Il legame del drago è un libro sorprendente, di solito il primo libro di una serie risente del fatto di dover fare da introduzione al mondo creato dall’autore, appesantendo un po’ la trama e la scorrevolezza del racconto, in questo caso non è successo.Dragos è stata una vera scoperta e la Elder Races una costante conferma, libro dopo libro, che l’universo parallelo creato da Thea Harrison, con i suoi protagonisti, merita di essere conosciuto, così come la sua autrice.

thea

 

Benvenuta Thea a Romanticamente Fantasy e grazie per averci concesso questa intervista in un momento molto caldo per te, da un punto di vista lavorativo, data l’imminente uscita il 5 novembre di Kinked (Elder Races #6) e la pubblicazione a dicembre della novella Dragos Takes a Holiday.

Welcome to Romanticamente Fantasy Thea and thanks so much for using your time for us also when you are very busy, given the upcoming release on 5 November of Kinked (Elder Races # 6) and the publication in December of a new novella: Dragos Takes a Holiday.

Thea: “Thank you so much for having me! It’s a pleasure to visit with you. 🙂
“Grazie mille per l’ospitalità! È un piacere essere in vostra compagnia. 🙂

Cinzia: “You’re welcome Thea, we are very happy to have you with us.”
“Prego Thea, siamo veramente molto felici di averti con noi.”

Partiamo subito con le nostre domande.
1) Hai cominciato a scrivere giovanissima romanzi romance contemporanei, pubblicandoli sotto lo pseudonimo di Amanda Carpenter. Cosa ti ha spinto a passare al mondo del paranormal romance?
We can start immediately with our questions.
1) You began to write contemporary romance novels at an early age, publishing under the pen name of Amanda Carpenter. What made you want to switch your stories in the world of paranormal romance?

Thea: I’ve had a lifelong love of science fiction and fantasy, and I was fascinated and thrilled when paranormal romance became so popular. Writing paranormal romance seemed a natural step to take, although I would still like to find time to write a few more contemporaries.

Ho un amore di lunga data per la fantascienza e il fantasy e sono rimasta affascinata ed eccitata quando il genere paranormal romance è diventato così popolare. Scrivere paranormal romance mi è sembrato un passo naturale da fare, anche se mi piacerebbe ancora molto trovare il tempo di scrivere qualche altro romanzo romance contemporaneo.

2) Da dove è nata l’ispirazione sull’universo dei Wyr e la loro razza?
2) What did you find the inspiration on the universe of Wyr and their race?

Thea: I’ve played with science fiction and fantasy ideas for years, either in writing projects on my own or with friends. Also, I’ve read so widely in this genres. Just to name a few favorites, I’ve devoured Patty Briggs, Larissa Ione, J.R. Ward, Nalini Singh, and Christine Feehan. I had plenty of inspiration by the time I sat down to write Dragon Bound.

Ho lavorato per anni su idee riguardanti i generi fantascienza e fantasy, scrivendole in miei progetti personali o insieme ad amici. Ho anche letto molto in questi generi. Solo per dire qualche nome tra miei preferiti, ho divorato Patty Briggs, Larissa Ione, J. R. Ward, Nalini Singh e Christine Feehan. Ho avuto parecchie cose a cui ispirarmi per quando mi sono seduta a scrivere Dragon Bound.

3) Durante la scrittura di Dragon Bound avevi già in progetto di realizzare una serie? Hai mantenuto la tua idea iniziale dopo il successo del libro o hai apportato dei cambiamenti importanti?

3 When you were writing Dragon Bound did you have already planned to make a series? Have you maintained your initial idea after the success of the book or have you made important changes?

Thea: No, I didn’t have any plan for a series! At the most I hoped that someone might be interested in a sequel some day, if Dragon Bound managed to catch enough reader interest. I was completely astonished and thrilled when my editor Cindy Hwang at Berkley offered me a three book contract! Ever since then, I’ve been world-building each book as I write it.

No, non avevo pianificato una serie! Al più speravo che qualcuno potesse essere interessato a un sequel prima o poi, se Dragon Bound fosse riuscito a catturare l’interesse di un numero sufficiente di lettori. Sono rimasta completamente stupefatta ed eccitata quando Cindy Hwang, il mio editore alla Berkley, mi ha offerto un contratto per tre libri! Sin da allora creo la realtà di ogni libro mentre lo scrivo.

4) Parlando con delle mie amiche, con le quali condividiamo la passione per i libri paranormal romance, ci siamo rese conto che per quanto ci riteniamo donne emancipate e indipendenti, abbiamo un punto debole, enorme direi, per protagonisti maschili molto dominanti e ci sciogliamo al pensiero di trovare un uomo così che sia il nostro compagno per tutta la vita. Non è forse un controsenso? I principi azzurri ideali sono diventati Wyr, vampiri, licantropi, ecc…?

4) Talking with my friends, with whom we share a passion for books and paranormal romance, we realized that we thought about us as women emancipated and independent, but we have a huge weakness, I would say, for very dominant male protagonists and we melt thinking about finding a mate. Is this not a contradiction? The Prince Charming actually is become a Wyr, a vampires or a werewolves, etc. ..?

Thea: I don’t necessarily see this as a contradiction. Dominant male characters are so much fun to read about and to write. I enjoy my male characters in fiction, but I wouldn’t necessarily want to try to have a relationship with one of them in real life. Personally, I think Dragos would be a big pain to live with, but I just love him as a character, and I love to write about him.
And maybe this comes from a natural desire to have a relationship with someone strong enough to rely on when you really need him. After all, who wants to be saddled with someone who falls apart when times get tough? 🙂

Non la vedo necessariamente come una contraddizione. I personaggi maschili dominanti sono molto divertenti da leggere e scrivere. Nella finzione i miei personaggi maschili mi piacciono, ma non vorrei per forza provare ad avere un rapporto con uno di loro nella vita reale. Personalmente penso che vivere con Dragos sarebbe un bel problema, ma lo amo come personaggio e amo scrivere su di lui.
E forse questo viene da un desiderio naturale di avere un rapporto con qualcuno abbastanza forte sul quale fare affidamento quando ne hai veramente bisogno. Dopotutto chi vuole essere legato a qualcuno che cade a pezzi quando i tempi diventano tosti?

5) Il soggetto presente sulla copertina dell’edizione italiana è molto diversa da quella del libro in origine, cosa ne pensi?

5) The cover of the Italian Edition is very different from the original book, what do you think about this? Do you like the change?
Thea: I love the change… In fact, I love all of the edition of my books. It’s so exciting to see what each art department does with the original concept.
But I have a special love for the Italian cover, not only because it is so beautiful, but also because it’s the work of a very talented digital artist who is a friend of mine. I was very excited to see her excellent work recognized this way!

Amo il cambiamento… infatti adoro tutte le edizioni dei miei libri. È così eccitante vedere quello che ogni reparto artistico crea dall’idea d’origine.
Ma nutro un affetto speciale per la copertina italiana, non solo perché è bellissima, ma anche perché è il lavoro di una talentuosa artista di grafica digitale, che è mia amica. Ero molto eccitata nel vedere che il suo eccellente lavoro fosse stato riconosciuto in questo modo!
Thea, ancora grazie per il tempo che ci hai dedicato, incrociamo le dita per l’uscita dei tuoi nuovi libri e ci auguriamo che la pubblicazione in Italia della Elder Races prosegua in tempi brevissimi. Un grosso abbraccio dai tuoi lettori italiani.
Thea, thanks again for the time you have dedicated us, fingers crossed for the release of your new books and we hope and love to have the publication in Italy of your Elder Races in a very short time. A big hug from your Italian reader!

Thea: I’m so glad we were able to do this- thanks again for your interest, and for having me! I send out a newsletter a month or so before each publication, so if you would like to get the lates on news, excerpts and exclusive contests, you can sign up for my newsletter At: http://theaharrison.com/contact-request/.

Sono così felice che siamo riusciti a realizzare questa cosa… grazie ancora per il vostro interesse e per avermi ospitata! Ho preparato una newsletter un mese fa e la farò prima di ogni pubblicazione, così se vi piacerebbe avere le ultime notizie, gli estratti e partecipare a contest in esclusiva, potete iscrivervi alla mia newsletter su: http://theaharrison.com/contact-request.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Intervista in esclusiva a Carlo Colasanti

Ciao Carlo, grazie di aver accettato di rispondere alla nostra intervista e ...