Da non perdere
Home / Blog Tour / Inediti in Italia: Excerpt Blog Tour “Sweetest Taboo” di J Kenner (#3 S.I.N. series)

Inediti in Italia: Excerpt Blog Tour “Sweetest Taboo” di J Kenner (#3 S.I.N. series)

 

 

blurb-rfs-azzurro

 

sweetest-taboo-comp-10In this irresistible Stark International Novel, J. Kenner ups the ante on Dirtiest Secret and Hottest Mess, proving once again with the S.I.N. series that she “may very well have cornered the market on sinfully attractive, dominant antiheroes and the women who swoon for them” (RT Book Reviews).

All eyes are on us . . . and there’s nowhere to run.

Everyone has their own ideas about Dallas Sykes: He’s a reckless billionaire, a devilish playboy, a man who gets whatever he wants the minute he wants it. But I know the real Dallas behind the money, bravado, and power—and he’s completely, blissfully mine.

We carefully guarded our secrets, and in each other’s arms we sought refuge from our dark past. Our pain became our pleasure, our control within the chaos. But we could only hide from the truth for so long.

Now we’ve let loose our inhibitions and are ready to face the future. And no matter what people think or say, coming clean is its own sweet reward.

Sweetest Taboo is intended for mature audiences.

 

 

 

 

buylinks-rfs-azzurro

Amazon ITAmazon US | Amazon Print | Audible CD | Amazon UK | Kobo | iBooks | iBooks UK | B&N/Nook | Google Play

 

sweetest-taboo-teaser-1

Lei era sua, dannazione, e Dallas era disposto a cambiare il mondo per rendere quella semplice realtà un dato di fatto assoluto.

 

excerpt-rfs-azzurro

“There are so many things to say. Important things. Essential things.”

“Jane—”

“But not now. I don’t want to talk about any of it right now.”

Hope warred with fear inside him.

“I just want—oh, please, Dallas. I don’t want to talk. Right now, I just want you to kiss me.”

And that was it—that was the moment she broke him. He felt himself shatter, the fear that had hardened inside him like glass breaking into a million tiny pieces. He reached for her, then cupped her head and closed his mouth gently over hers.

Immediately, he became drunk on the taste of her, aroused by the feel of her.

He wanted to crush her body against his, to feel her heat, her heart. He wanted to bruise her mouth with his kisses and close his hands tight around her arms. He’d come so damn close to losing her, and he couldn’t stand the thought of ever letting her go.

But he didn’t—he couldn’t. She was too fragile, and the possibility that he might hurt her—more, again—ate at him. So instead, he littered soft kisses on her face, her neck. He stroked her. Touched her. Hell, he worshipped her.

“Dallas?” Tentatively, her fingers brushed his face.

He blinked and focused on a space over her shoulder, knowing that he’d come completely undone if he looked into her eyes. “I thought I’d lost you. First, when you walked out. And then—and then—”

The words caught in his throat, too horrible to even voice. “Christ, Jane. I can’t lose you.”

Gently, her fingertip stroked his lower lip. Even more gently, she took his chin and forced him to look at her. “I’m right here.”

“And thank God for that.”

Their eyes met and held, and for a moment there was no time, no space, no world that judged them. There was just them.

Then she lunged, her mouth closing over his with such firm finality that it both broke the moment and had him laughing. “This is how I want you,” she said, and he answered her silently but enthusiastically, pulling her hard against him, slamming his mouth against hers. Taking. Consuming. Until he was nothing but heat and need, an ache building in him that he couldn’t quench no matter how tight he held her, how hard he kissed her.

He was lost in her, drowning in the sensuality of her fingernails digging into his back. Of her teeth claiming his lips. Of the way her pelvis ground hard against his erection.

With a low, needful groan, he slid his hands down and grabbed her hips, craving an even closer contact. He tightened his grip, pulled her toward him, then immediately released her and stepped back when she released a soft, sharp, “Oh!”

“Jane?”

She stood before him, breathing hard. “I’m sorry, I’m sorry.”

He frowned. “I hurt you.”

“No. No, I’m fine.” She shook her head, but he knew better. “Dallas, please. I don’t want—”

“What?”

“Distance.” She dragged her teeth over her lower lip as if she was unsure about how he felt.

“Oh, baby. No. Never.” He held out his hand. “Come here.”

She cocked her head, then narrowed her eyes. “Where?”

“Do you trust me?”

“Yes.”

The speed of her reply sang in his heart. “Then let me take care of you.”

The corner of her mouth twitched. “If you’re thinking about putting me to bed, you can just stop that nonsense right now. I’ve been in a hospital for almost two days. Between boredom and sedatives, I’m all caught up on my sleep.”

“I promise, sleep is the last thing on my mind.”

That was a little bit of a lie. She’d protest, he knew, but she needed more sleep. Good sleep, not with nurses popping in and out and a sterile bed with the scent of hospital disinfectant permeating the room.

She’d sleep, all right. But he intended to make sure she was ready for it. That she would drift under, safe and warm and content in his arms.

Gently, he drew her into the bathroom, her favorite room in the apartment. The previous owners had knocked out a wall, turned the small second bedroom into a closet, and used part of that space to make room for a steam shower and an oversize whirlpool tub. The day they’d moved in, Jane had told him this bathroom was a little slice of heaven.

He turned the water on, cranking up the heat the way he knew she liked it, then he stood her on the dense, white rug that filled most of the space.

“Are you tending me?” Her voice was as teasing as her expression, and it was all he could do not to gather her close and sigh with contentment. Yes, he knew she was still aching and sore. No, they didn’t know who her attacker was. Yes, her birth father was locked in a cell, and Dallas was the one keeping him there.

But none of that mattered. Not then. All he cared about—all he could hold in his head—was Jane. That she was alive. That she was his.

That she’d come back to him.

“Damn right I’m tending you. Now put your hands up,” he added with mock sternness.

She complied, and he peeled off her scrub top, delighted to find that she wore nothing beneath it. Her breasts were perfect, round and firm, and as he watched, her nipples tightened and her areolae puckered. He wanted to roll her nipples between his fingers. He wanted to taste her breasts and feel her arch back and moan, her tits hard and hot in his hands as he licked and sucked, taking her so far that she came in his arms simply from the pressure of the desire building between her legs.

Not now. Not yet.

Instead, he met her eyes. Then he lowered his gaze to her chest, watching it rise and fall as her desire heightened to match his. Her pulse quickened in her throat, another spot that he wanted to lick and tease.

Slowly, he reached for the drawstring of her pants. His fingers brushed her abdomen as he did, the touch so light it was almost negligible. It was enough, though, and he felt the shock of that connection all the way down to his cock. He was rock hard and straining against his jeans. And when her pants slid over her hips to the floor—when she stood before him completely naked—he had to fight the battle of his life not to step forward, slide his hand between her thighs, and feel the creamy heat of her arousal.

Instead, he simply stood and stared and wanted, his gaze caressing her. Reviewing every curve, every nuance. He knew her body as well as he knew his own, and the bruises he saw on her thighs and hips started a slow burn inside him.

He was going to kill whoever did this. No doubt. No question.

 

 

sin-series-0-days-banner

 

 

dirtiest-secret

It was wrong for us to be together, but it was even harder to be apart.

The memory of Dallas Sykes burns inside of me.

Everyone knows him as a notorious playboy, a man for whom women and money are no object. But to me, he’s still the one man I desperately crave—yet the one I can never have.

Dallas knows me better than anyone else. We bear the same scars, the same darkness in our past. I thought I could move on by staying away, but now that we’re drawn together once more, I can’t fight the force of our attraction or the temptation to make him mine.

We’ve tried to maintain control, not letting ourselves give in to desire. And for so long we’ve told ourselves no—but now it’s finally time to say yes.

Dirtiest Secret is intended for mature audiences.

Amazon US Amazon US Print Audible iBooks B&N/Nook

Separatore-Azzurro

The S.I.N. series continues with the seductive follow-up to the Stark International Novel Dirtiest Secret, from the New York Times bestselling author of “red-hot and angsty” fiction that “keeps readers guessing” (Publishers Weekly, on Under My Skin).

 

9781101967478-1

No one can know about our love—and hiding only makes it hotter.

Dallas Sykes has a reputation. He is known for his parties, his money, and the countless women on his arm. Yet the Dallas I know is a different man—darker, smarter, and unbearably sexy. Just one look from him can leave me breathless; the anticipation of his touch can make me lose control.

Inextricably bound by our past, we keep each other’s secrets. And while there are people who have the power to hurt us, it’s the truth that threatens us most of all.

Dallas can be mine only behind closed doors, our passion as searing as it is forbidden. Yet nothing in this world has ever felt so desperately, deliciously right.

Hottest Mess is intended for mature audiences.

Amazon US Amazon Print Amazon UK Amazon AU Audible Kobo iBooks B&N/Nook

 

 

about-the-author-rfs-azzurro

 

julie-j-kenner-author-photoJ. Kenner (aka Julie Kenner) is the New York Times, USA Today, Publishers Weekly, Wall Street Journal and #1 International bestselling author of over seventy novels, novellas and short stories in a variety of genres.Though known primarily for her award-winning and international bestselling erotic romances (including the Stark and Most Wanted series) that have reached as high as #2 on the New York Times bestseller list, JK has been writing full time for over a decade in a variety of genres including paranormal and contemporary romance, “chicklit” suspense, urban fantasy, and paranormal mommy lit.

JK has been praised by Publishers Weekly as an author with a “flair for dialogue and eccentric characterizations” and by RT Bookclub for having “cornered the market on sinfully attractive, dominant antiheroes and the women who swoon for them.” A five time finalist for Romance Writers of America’s prestigious RITA award, JK took home the first RITA trophy awarded in the category of erotic romance in 2014 for her novel, Claim Me (book 2 of her Stark Trilogy). Her Demon Hunting Soccer Mom series (as Julie Kenner) is currently in development with AwesomenessTV/Awestruck.

Her books have sold over three million copies and are published in over twenty languages.

In her previous career as an attorney, JK worked as a clerk on the Fifth Circuit Court of Appeals, and practiced primarily civil, entertainment and First Amendment litigation in Los Angeles and Irvine, California, as well as in Austin, Texas. She currently lives in Central Texas, with her husband, two daughters, and two rather spastic cats.

WEBSITE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM | YouTube | Amazon Author Page

 

trama-rfs-azzurro

Tutti gli occhi sono su di noi… e non c’è alcun posto in cui scappare.

Ognuno ha la propria idea riguardo a  Dallas Sykes:  è un miliardario spericolato, un playboy diabolico, un uomo che ottiene qualsiasi cosa voglia nell’istante in cui la vuole. Ma io conosco il vero Dallas che si nasconde dietro ai soldi, la spavalderia e il potere… ed è completamente e meravigliosamente mio.

Abbiamo protetto con cura i nostri segreti e  abbiamo cercato rifugio dal nostro passato oscuro uno tra le braccia dell’altro. Il nostro dolore è diventato il nostro piacere, il nostro controllo in mezzo al caos. Ma non potevamo nasconderci dalla verità così tanto a lungo.

Ora abbiamo liberato le nostre inibizioni e siamo pronti ad affrontare il futuro. E non importa ciò che pensa o dice la gente, confessare tutto è una dolce ricompensa.

Dirtiest Secret è rivolto un pubblico adulto.

estratto-rfs-azzurro

“Ci sono così tante cose da dire. Cose importanti. Cose essenziali.”

“Jane…”

“Ma non ora. Non voglio parlare di nessuna di queste cose adesso.”

La speranza lottava con la paura dentro di lui.

“Voglio solo… oh, ti prego, Dallas. Non voglio parlare. In questo momento voglio solo che tu mi baci.”

E così fu… Quello fu il momento in cui lei lo liberò. Sentì andare in frantumi la paura che si era cementata dentro di lui, come vetro che si rompeva in un milione di piccoli pezzi. Allungò le mani prese la sua testa e posò la bocca dolcemente sopra la sua.

Immediatamente si sentì inebriato dal suo sapore, eccitato dalla sensazione di lei.

Voleva schiacciare il suo corpo contro il proprio per sentire il suo calore, il suo cuore. Voleva ferire la sua bocca con i baci e stringere le mani intorno alle sue braccia. Era andato così dannatamente vicino a perderla, che non riusciva a sopportare il pensiero di lasciarla andare.

Ma non l’avrebbe fatto… Non poteva. Lei era troppo fragile e la possibilità di poterle far del male – ancora di più – lo tormentava. Così invece ricoprii di leggeri baci il suo viso e il collo. La accarezzò. La toccò. Dannazione, la venerò.

“Dallas?” Esitanti, le sue dita gli accarezzarono il viso.

Lui sbattè le palpebre e si concentrò in un punto dietro la sua spalla, sapendo che avrebbe perso il controllo se l’avesse guardata negli occhi. “Pensavo di averti perso. Prima quando te ne sei andata. E poi… e poi…”

Le parole gli si bloccarono in gola, troppo orribili perfino da pronunciare. “Cristo, Jane. Non posso perderti.”

Con gentilezza gli accarezzò con le dita il labbro inferiore. Con ancora più gentilezza gli prese il mento e lo obbligò a guardarla. “Sono qui.”

“E grazie a Dio per questo.”

I loro occhi si incontrarono e si fissarono, e per un momento non c’era più il tempo, né lo spazio, né il mondo che li giudicasse. Erano semplicemente loro.

Poi lei si lanciò, la sua bocca si chiuse sopra quella di lui con una tale determinazione che interruppe quel momento e lo fece ridere. “Questo è ciò che voglio da te,” disse e lui le rispose silenziosamente ma con entusiasmo, attirandola con forza contro di lui, sbattendo la bocca contro la sua. Prendendo. Divorando. Finché non fu nient’altro che eccitazione e bisogno, un desiderio che cresceva in lui e che non poteva reprimere, non importava quanto la tenesse stretta o quanto la baciasse con violenza.

Era perso in lei, affogando nella sensualità di quelle dita che gli stava conficcando nella schiena. Dei denti che reclamavano le sue labbra. Del modo in cui strusciava forte il bacino contro la sua erezione.

Con un gemito basso e colmo di desiderio, fece scivolare le mani verso il basso e la afferrò per i fianchi, desiderando ardentemente un contatto più vicino. Strinse la presa e la attirò verso di lui, poi la rilasciò immediatamente e fece un passo indietro, quando lei emise un leggero e acuto, “Oh!”

“Jane?”

Era davanti a lui e respirava a fatica. “Mi dispiace, mi dispiace.”

Lui si accigliò. “Ti ho fatto male.”

“No. No, sto bene.” Scosse la testa, ma lui sapeva la verità. “Dallas, per favore. Non voglio…”

“Cosa?”

“La distanza.” Strinse i denti sul labbro inferiore, come se non fosse sicura di quello che lui provava.

“Oh, piccola. No. Mai.” Le porse la mano. “Vieni qui.”

Lei alzò la testa poi socchiuse gli occhi. “Dove?”

“Ti fidi di me?”

“Sì.”

La velocità della sua risposta fu come musica per il suo cuore. “Allora lascia che mi prenda cura di te.”

Un angolo della sua bocca ebbe un guizzo. “Se stai pensando di mettermi a letto, puoi smettere subito con questa assurdità. Sono stata in un ospedale per quasi due giorni. Tra la noia e i sedativi, ho completamente recuperato tutto il sonno.”

“Ti assicuro che dormire è l’ultimo dei miei pensieri.”

Quella era un po’ una bugia. Avrebbe protestato, lo sapeva, ma aveva bisogno di dormire di più. Un buon sonno, non con le infermiere che entravano e uscivano e un letto sterile con l’odore del disinfettante da ospedale che permeava la stanza.

Avrebbe dormito, va bene. Ma aveva intenzione di assicurarsi che fosse pronta per quello. Che si sarebbe lasciata andare sicura, appassionata e felice nelle sue braccia.

Gentilmente la trascinò in bagno, la sua stanza preferita nell’appartamento. Il proprietario precedente aveva buttato giù un muro, trasformando la piccola seconda camera da letto in un armadio e usato una parte di quello spazio per fare una doccia con sauna e una grande vasca idromassaggio. Il giorno in cui si erano trasferiti lì, Jane gli aveva detto che questo bagno era un piccolo angolo di paradiso.

Aprì l’acqua, girando completamente su quella calda come sapeva che piaceva a lei, poi la portò sopra lo spesso tappeto bianco che prendeva gran parte dello spazio.

“Ti stai prendendo cura di me?” La sua voce era canzonatoria quanto la sua espressione e gli ci volle tutta la sua buona volontà per non stringerla e sospirare di soddisfazione. Sì, sapeva che lei era ancora dolorante e sofferente. No, non sapevano chi l’aveva aggredita. Sì, suo padre biologico era rinchiuso in una cella e Dallas era quello che lo avrebbe tenuto lì.

Ma niente di questo aveva importanza. Non adesso. Tutto ciò che gli interessava – tutto ciò che aveva in testa – era Jane. Che fosse viva. Che fosse sua.

Che fosse tornata da lui.

“Puoi scommetterci che mi sto prendendo cura di te. Ora alza le mani,” aggiunse con finta severità.

Lo fece e lui le tolse la parte superiore del camice ospedaliero, felice di trovare che non indossava nulla sotto. I suoi seni erano perfetti, tondi e sodi e mentre guardava, i capezzoli s’inturgidirono e le areole si raggrinzirono. Voleva ruotare i capezzoli tra le dita. Voleva assaporare i suoi seni e sentirla inarcarsi e gemere, seni duri e caldi nelle sue mani, mentre leccava e succhiava, portandola così oltre da farla venire tra le sue braccia, semplicemente per la pressione del desiderio che cresceva tra le sue gambe.

Non ora. Non ancora.

Invece la guardò negli occhi. Poi abbassò lo sguardo sul petto guardandolo sollevarsi e abbassarsi, mentre il suo desiderio aumentava fino a diventare come quello di lui. Le sue pulsazioni accelerarono nella gola, un altro posto che voleva leccare e torturare.

Lentamente andò con le mani sul cordoncino dei pantaloni. Le dita le sfiorarono l’addome nel farlo, il tocco fu così leggero da essere quasi irrilevante. Ma abbastanza comunque, da fargli sentire lo choc di quel contatto fino all’uccello. Era completamente duro e premeva contro i jeans. E quando i suoi pantaloni scivolarono giù dai fianchi fino al pavimento – quando rimase davanti a lui completamente nuda – dovette combattere la battaglia della sua vita per non avvicinarsi, far scivolare la mano tra le sue cosce e sentire il morbido calore della sua eccitazione.

Invece semplicemente rimase lì, la fissò e la desiderò, accarezzandola con lo sguardo. Ripassando ogni curva, ogni sfumatura. Conosceva il suo corpo esattamente come il proprio e i lividi che vide sulle sue cosce e nei fianchi, diedero inizio a una lenta combustione dentro di lui.

Avrebbe ucciso chiunque aveva fatto questo. Non c’era alcun dubbio.

 

Separatore-Azzurro

 

#1 Dirtiest Secret

Era sbagliato per noi stare insieme, ma era ancora peggio rimanere separati.

Il ricordo di Dallas Sykes bruciava dentro di me.

Tutti sanno che lui è un noto playboy, un uomo per cui le donne e i soldi non erano un problema. Ma per me lui è ancora l’uomo che desidero disperatamente… eppure, l’unico che non potrò mai avere.

Dallas mi conosce meglio di chiunque altro. Portiamo le stesse ferite, la stessa oscurità nel nostro passato. Pensavo che avrei voltato pagina rimanendo lontana, ma ora che ci siamo ritrovati ancora una volta, non posso combattere la forza della nostra attrazione o la tentazione di farlo mio.

Abbiamo cercato di mantenere il controllo, di non arrendendoci al desiderio. E per troppo tempo ci siamo detti di no… Ma ora è finalmente arrivato il momento di dire sì.

Dirtiest Secret è rivolto un pubblico adulto.

 Separatore-Azzurro

 #2 Hottest Mess

Nessuno deve sapere del nostro amore… e nascondersi lo rende più eccitante.

Dallas Sykes ha una reputazione. È famoso per le sue feste, i suoi soldi e le infinite donne tra le sue braccia. Eppure, il Dallas che conosco io è un uomo diverso… più misterioso, intelligente e irresistibilmente sexy. Con un solo sguardo mi lascia senza fiato; l’attesa del suo tocco mi fa perdere il controllo.

Legati in modo indissolubile al nostro passato, teniamo per noi i nostri segreti. E mentre ci sono persone che hanno il potere di farci del male, è soprattutto la verità quella che ci minaccia.

Dallas può essere mio solo dietro le porte chiuse, la nostra passione è tanto intensa quanto proibita. Eppure, niente al mondo è mai stato così disperatamente e deliziosamente giusto.

Hottest Mess è rivolto un pubblico adulto.

 

biografia-rfs-azzurro

Kenner (alias Julie Kenner) è un autrice presente nelle classifiche dei bestseller del New York Times, USA Today, Publishers Weekly, Wall Street Journal ed è al primo posto come autrice bestseller internazionale con oltre settanta romanzi, novelle e racconti di vari generi.

Anche se è conosciuta principalmente per i suoi Erotic Romance, pluripremiati e di maggior successo a livello internazionale (comprese le serie Stark e Most Wanted) che, hanno raggiunto il secondo posto nella lista dei bestseller del New York Times e il primo posto a livello internazionale, JK scrive a tempo pieno da oltre un decennio vari generi, compreso il paranormal romance e il romance contemporaneo, i “chick lit” suspense, l’ urban fantasy e il “mommy lit” paranormal .
JK è stata elogiata da Publishers Weekly come un autrice con “talento per il dialogo e le descrizioni eccentriche” e RT Bookclub per aver “monopolizzato il mercato con antieroi peccaminosamente attraenti e dominanti e donne che vanno in estasi per loro.” Cinque volte finalista al prestigioso premio RITA per scrittrici americane, JK ha portato a casa il primo trofeo RITA, ottenuto nella categoria Erotic Romance nel 2014 per il suo romanzo “Sceglimi”(libro 2 della Stark Trilogy).

La sua serie Demon Hunting Soccer Mom  (scritta come Julie Kenner) è attualmente in via di sviluppo in collaborazione con AwesomenessTV/Awestruck.

I suoi libri hanno venduto oltre tre milioni di copie e sono stati pubblicati in più di 20 lingue.

Nella sua precedente carriera da avvocato, JK ha lavorato come assistente giudiziario alla nella Corte d’Appello del Quinto Distretto e ha seguito soprattutto cause civili, dello spettacolo e riguardo il primo emendamento a Los Angeles e Irvine io California, come anche ad Austin in Texas. Vive attualmente nel Texas centrale, con il marito, due figlie e due gatti piuttosto stupidi.

WEBSITE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM | YouTube | Amazon Author Page

 

Traduzione a cura di:

PiperitaPatty

 

Inediti in Italia: Excerpt Blog Tour “Sweetest Taboo” di J Kenner (#3 S.I.N. series)
5 su 1 voti

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Inediti in Italia: Book Tour “Bound by Family” di Ryan Michele * Ravage MC Bound #1

  Bound by Family (Ravage MC Bound) is a NEW Standalone by ...

error: Contenuti di proprietà di RFS