Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Il Calendarfilm dell’Avvento: – 9 Dicembre – “I Goonies”

Il Calendarfilm dell’Avvento: – 9 Dicembre – “I Goonies”

I Goonies

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Genere: Avventura, Fantasy

Anno: 1985

Regia: Richard Donner

Paese: USA

Distribuzione: Warner Bros.

Sceneggiatura: Chris Columbus

Fotografia: Nick McLean

Montaggio: Michael Kahn, Steven Spielberg

Musiche: Dave Grusin

Produzione: Richard Donner E Harvey Bernhard Per Warner Bros. Pictures, Amblin Entertainment

 

I Walsh verranno sfrattati dalla loro casa a Goon Docks, in Oregon, tra pochi giorni e Mikey decide di passare un ultimo pomeriggio in compagnia dei suoi amici.

Curiosando in soffitta, i ragazzi trovano una mappa che sembra condurre al tesoro di Willy l’Orbo, situato proprio a Goon Docks. Seguendo gli indizi, raggiungono un ristorante abbandonato sulla costa; Brandon, fratello maggiore di Mikey, li raggiunge insieme a due sue compagne di scuola Andrea e Stef.

Il gruppo indaga sull’edificio e scopre che all’interno si nasconde una famiglia di criminali. Non volendo perdere l’occasione di trovare il tesoro che li aiuterebbe a pagare i soldi dello sfratto, i ragazzi setacciano il ristorante e trovano un tunnel sotterraneo, ma Chunk viene catturato dai Fratelli e imprigionato con Sloth. I Fratelli spaventano Chunk fino a quando non rivela dove sono andati gli amici e, poi, partono all’inseguimento.

I ragazzi, prima di raggiungere l’agognato tesoro, dovranno affrontare le loro paure e superare enigmi e prove terribili.

 

Ci sono oggetti, canzoni o, come in questo caso, film che in pochi istanti ti portano indietro nel tempo, e questo accade proprio quando guardiamo I Goonies (io e mio marito non possiamo fare a meno di tifare per quel gruppetto di bizzarri ragazzini!).

Come non amare Mikey per il suo altruismo, o Data per la sua creatività, oppure non sbellicarsi davanti alla sfacciataggine di Mouth o alla goffaggine di Chunk? Per non parlare di Brandon, Andrea e Stef: tutti loro sono entrati nei nostri cuori tanti anni fa e, con la stessa facilità di allora, continuano a emozionarci facendoci rivivere l’avventura che tutti avremmo voluto fare. Chi afferma il contrario, mente!

Il film è ormai un cult e per chi, come noi, nato tra gli anni ’80 e ’90 non può fare a meno di ricordare con nostalgia.

La domanda più infame che ci potreste fare riguarda lo scegliere la nostra scena preferita. Impossibile, vi ritrovereste un elenco che comprende quasi tutto il film, a iniziare dalla danza del ventre di Chunk, la traduzione sbagliata di Mouth, alla mitica confessione di Chunk di tutte le sue malefatte fino al tracobbetto dell’organo fatto di ossa, e alla vista del veliero. Tuttavia, dietro all’aspetto avventuroso e divertente del film, troviamo temi importanti come i primi amori adolescenziali, l’amicizia, la fiducia, il bullismo e la forza del gruppo.

Non c’è un momento giusto per guardarlo, in realtà ogni momento è buono, ma credo sia doveroso consigliarlo nel periodo in cui le famiglie si riuniscono e i bambini vengono circondati dalla magia del Natale… perché sognare è bello, ma farlo con le persone giuste lo è ancor di più.

 

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

Normal

Recensione Serie Tv: Chicago PD – 7×11 – “43rd and Normal”

  Salve fenici, se lo scorso anno mi ...