Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Doppia recensione: “Tutto di te – Piacere Russo vol. 3” di Malia Dalrai

Doppia recensione: “Tutto di te – Piacere Russo vol. 3” di Malia Dalrai

Trama

«Sai che per te» le disse «farei qualsiasi cosa».
«Allora dammi tutto di te, Roman, ogni singola parte di te» gli rispose.
Il suo russo le insinuò una mano sotto la schiena. Scese a stringerle la natica, senza mai smettere di fissarla negli occhi, e la costrinse a sollevare il bacino verso di lui.
L’amore è un sentimento bastardo che morde e fa male quando meno te lo aspetti. Selene è consapevole delle difficoltà da affrontare per riuscire a creare una relazione stabile con l’uomo che ama, ma non credeva di precipitare di nuovo nella disperazione. Quando tutto sembra essere tornato a posto, la realtà mostra la sua cruda ferocia: Roman ha ancora dei segreti. Selene stenta a crederci e non sopporta questa nuova lontananza. Perché sta accadendo tutto questo? I suoi sentimenti sono profondi, ma sembrano non bastare a tenere in piedi il loro rapporto. Il sesso? Quello è l’unico collante a unirli. Roman le nasconde le verità sui propri traffici e si trasforma in un mostro, soprattutto quando si ostina a volerla proteggere. Il cuore rischia di cederle e, con questo, anche la salute, ormai cagionevole. Quando l’uomo che ami ha due personalità distinte, quando l’attrazione per lui ti porta a perdere la testa, qual è la via d’uscita per non impazzire? Selene dovrà fare leva su tutte le proprie forze per riuscire a coltivare quest’amore e a rendere migliore un uomo dalla dubbia moralità.

Recensione

E io finalmente posso esultare. In questo romanzo, nel terzo della saga, c’è tutto: passione, amore, sensualità, tensione, scene da brivido. E non mi guardate così, è la pura verità. Dopo aver visto i due protagonisti soffrire un bel po’ credetemi che soffrirete ancora e non poco. Questo romanzo è un viavai di emozioni contrastanti. Ricordate come li avevamo lasciati? Roman salva Selene dalle grinfie di suo padre, che vuole rivenderla per pagare i suoi debiti di gioco, e alla fine lo uccide. L’inizio del terzo li vede proprio ricominciare da qualche tempo dopo l’accaduto. Le prime difficoltà sorgono da quello, ma quel problema non è che un oscuro puntino in tutta la vicenda. Ci sono delle questioni in sospeso, come il matrimonio con quella bionda (io la voglio ancora ammazzare), la fidanzata ufficiale di Roman: Tatia. Quella megera non mancherà di far soffrire i due e solo alla fine scoprirete perché. Inizialmente pensavo fosse spinta dall’amore verso l’uomo, ma in realtà non è così. Niente è come si vede, niente è come si legge dalle prime pagine. Malia è stata perfetta nello spiegare le vicende (dì la verità non è che hai parenti russi?), la mafia, le loro abitudini, frutto di una fantasia davvero magnifica. Io l’ho adorato, come ho adorato Ivan, fedele compagno di Roman che, in quest’ultimo romanzo, avrà un ruolo fondamentale. Come al solito resto in silenzio, non voglio svelarvi troppo. Ma se avete letto gli altri due, non potete mancare con questo. È il giusto finale, la dura realtà che avvolge due persone che fanno parte di grossi gruppi mafiosi… di cosa parlo? Eh, leggete e lo scoprirete. E tenete d’occhio Ivan, mi ha davvero sconvolto, in senso positivo!

Recensione a cura di:

Firma-Loveangel

Editing a cura di:

Maria

Recensione

Arriviamo finalmente all’ultimo capitolo di questa trilogia e sia chiaro che il finalmente non è in senso negativo, ma dettato dalla suspanse di sapere come andrà a finire!
Siamo tornati in Russia e tutto sembra procedere al meglio se non fosse per il matrimonio incombente tra Roman e Tatia, ve la ricordate? Ebbene sì… speravo ce ne fossimo liberate e invece è sempre presente, più bella e perfida che mai!
Questa volta però Selene ha deciso di tirare fuori gli attributi (si può dire?) e di lottare per il suo amore e per il suo lieto fine, tanto più che una novità si profila all’orizzonte.
Quando Roman la rinchiude in un appartamento e decide di continuare i preparativi per il suo matrimonio con la malvagia bionda, Selene chiede aiuto a Ivan, il braccio destro di Roman, e si trasferisce a casa sua decisa a scoprire tutto sul suo uomo e sugli affari in cui è implicato. Anzi prende la decisione di unirsi alla mafia, così da fargli capire di essere sua al 100% e togliere di mezzo definitivamente Tatia.
In un vorticare di situazioni, sentimenti contrastanti, scoperte incredibili, prove di amicizia e amori impossibili il romanzo procede alla sua conclusione e che conclusione!!!
Non voglio dirvi di più, a mio personale giudizio questo, anche se le esagerazioni non mancano nemmeno qui, è il migliore dei tre: avvincente, emozionante, coinvolgente. “Piccola Luna” si è riscattata dalla debolezza e insicurezza che l’avevano permeata nei libri precedenti, non solo ma qui emerge la parte umana di Roman. Ho finalmente scoperto che anche lui soffre come tutti gli altri, ne avevo avuto sentore, ma questo libro me l’ha confermato.
Una piacevole scoperta… il personaggio di Ivan, un vero amico (anche se non da subito) per Selene e Roman, mi auguro che Malia abbia in serbo per lui una storia dedicata e perché no… anche a lieto fine! Mi raccomando… ci conto!

Recensione a cura di:

Mirtilla66

Editing a cura di:

LadyLightmoon

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità super hot

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La ragazza del faro” di Alessia Coppola

Buongiorno Fenici oggi la nostra Cristiana ha recensito ...