Home / Dark Contemporaneo / Doppia recensione, Release Week Blitz e Giveaway: “Soffocami (Blood Bonds vol. 1)” di Chiara Cilli

Doppia recensione, Release Week Blitz e Giveaway: “Soffocami (Blood Bonds vol. 1)” di Chiara Cilli

Doppia recensione e giveaway!

Trama

**Attenzione
Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente, linguaggio forte e rapporti sessuali di dubbio consenso o non consensuali. Non adatto a persone sensibili al dolore e alla schiavitù.**

Soffocami (Blood Bonds Vol. 1) chiara cilliAvevo tutto ciò che ho sempre sognato.
Non ho mai avuto la vita che sognavo.

Avevo lavorato sodo per arrivare dov’ero.
Violenza, soprusi e crudeltà mi avevano segnato per dieci anni.

Ero pronta a portare l’azienda di famiglia ai vertici del successo.
Ero pronto a saziare la mia vendetta contro chi aveva abusato di me per lungo tempo.

Poi mi hanno rapita.
Così ho preso la figlia di Nikolayev.

Ora devo sopravvivere a un uomo che mi consuma l’anima.
Non importa quanto lotterà, non ha scampo.

Non posso lasciare che mi soffochi con la sua presenza letale.
Perché la ucciderò.

Vuoi vincere una COPIA AUTOGRAFATA  di “Soffocami” di Chiara Cilli?

Clicca QUI e partecipa al giveaway!

Recensione

Dopo aver scritto di fantasy e di erotici Chiara Cilli ha trovato la sua strada. Questo romanzo dark è ottimo sia nello stile che nella storia. Ho chiuso da pochissimo l’ultima pagina e già fremo per conoscere il seguito. Proprio quello che odio: l’attesa! Comunque cara Chiara con questo libro ti sei fatta perdonare per la scelta del finale della serie MSA con cui non sono assolutamente d’accordo. Parentesi chiusa.
Parto premettendo che questo romanzo non è per stomaci delicati, assolutamente. Ci sono scene di violenza, svilimento ed umiliazione descritte così bene che pare di essere dentro le pagine stesse e di poter assistere a quegli episodi. Se siete sensibili non vi sentirete bene nel leggere questi passaggi, indispensabili però per lo svolgimento della storia, quindi regolatevi, leggerlo vi farà storcere le budella, ma a mio avviso ne vale la pena.
La vicenda parte dal passato. Tre fratelli Armand, Henry e Andrè hanno subìto dal proprio padre e dai suoi amici ogni tipo di violenza per ben 10 anni. Henry è stato sodomizzato, Andrè picchiato selvaggiamente ed Armand, la personalità che in questo romanzo resta più in ombra, è stato costretto sempre ad assistere agli abusi sui suoi fratelli. Non sappiamo perché gli siano state risparmiate le violenze fisiche ma di certo quelle psicologiche non gli sono mancate.
Alla morte del padre Armand si trova costretto a prendere le redini di questa orrenda organizzazione. Incastrato in un meccanismo che lo vede neutrale in uno scontro tra un Re ed una Regina in una zona della Transilvania, i tre fratelli forniscono ai due “sovrani” ragazze per i loro scopi. Il Re cerca schiave sessuali che Henry “addestra” e la Regina cerca bellissime killer che vengono addestrate ad uccidere da Andrè.
I due fratelli minori di Armand sono alla ricerca della loro vendetta personale. Scoperto il nome del suo principale violentatore, Henry ne fa rapire la figlia Aleksandra. Da qui prende il via la vicenda principale. Henry vuole umiliarla, farle subire tutte le violenze che suo padre gli ha fatto, ridurla nel suo stesso stato e poi ucciderla. I suoi piani però non vanno come vorrebbe. Tra i due c’è un qualcosa, attrazione, elettricità, che condiziona le loro reazioni, prima di tutto fisiche, poi con il tempo anche psicologiche. Resteranno sempre su due fronti opposti ma in certi momenti la connessione che si crea tra loro è così intensa da superare l’odio che li attanaglia. Il loro rapporto diventa dipendenza pura.

TeaserAleksandraNikolayevNon parlo oltre della trama, vi dico solo che il finale è apertissimo e che, se la nostra autrice non si sbrigherà a darci un seguito, sarà responsabile della nostra sanità mentale. Sì signore, perché nonostante tutta la violenza ed i soprusi che sono presenti nelle pagine del libro i nostri tre aguzzini non restano relegati al ruolo puro e semplice di mostri senza cuore e stupratori. Chiara Cilli ha approfondito così bene la conoscenza del loro animo che sotto i loro occhi freddi e carichi di odio noi vediamo chiaramente quelli di ragazzini abusati, torturati, sodomizzati. Vediamo la loro debolezza, il loro passato che non hanno potuto cancellare e speriamo che riescano a cambiare, ad espiare le loro colpe ed infine a ritrovare il loro lato umano. Brava, davvero bravissima la nostra autrice nel creare anche in noi lettrici una dipendenza dai fratelli Lamaze quindi Chiara scrivi, scrivi e ancora scrivi, la curiosità mi sta uccidendo.

Recensione a cura di:

Madau

Editing a cura di:

Mytra

Recensione

I temi affrontati in questo romanzo sono forti e cruenti, anche se i casi di cronaca di questi anni ci dimostrano che i mostri esistono veramente.
La storia narra le vicende dei tre fratelli Lamaze. Armand, primogenito, Henry ed Andrè. Tutti hanno subito, dalla persona che più avrebbe dovuto proteggerli ed amarli, i soprusi più odiosi, ognuno di loro in maniera e dosi diverse (per ora non è chiaro come mai). Henry è stato violentato dal padre e dai suoi amici per circa dieci anni; Andrè è stato picchiato ed incatenato e, forse, anche lui violentato; mentre Armand era obbligato a guardare, senza poter far nulla – se poi ha subito altro, in questo primo libro, non c’è scritto-.
Quindi l’inizio descrive un passato decisamente pesante. Poi passiamo ai giorni nostri:  i tre fratelli sono ormai uomini adulti e, volenti o nolenti, portano avanti l’”azienda” di famiglia in Transilvania, Romania, nella quale ognuno di loro è “specialista di un determinato settore.”
Dall’altra parte del mondo, negli Stati Uniti, vive Aleksandra Nicolayev, figlia di un facoltoso allevatore ed addestratore di cavalli, la quale viene rapita da Andrè ed Armand e portata in dono ad Henry.
Il sequestro è il preludio di rivelazioni decisamente inquietanti: scopriamo che il padre di Aleksandra era un amico del padre dei tre fratelli, e che Henry vuole a tutti i costi la sua vendetta.
Nelle 323 pagine che compongono questo romanzo il dolore, la paura e la violenza perpetrata con atti atroci ai danni di persone innocenti ed indifese, per puro lucro e lussuria, sono sentimenti palpabili. L’autrice è riuscita perfettamente a creare un mondo cruento, tanto reale da trasportare il lettore in una dimensione in cui si spera di non entrare mai.
TeaserHenriLamazeHo iniziato il libro ieri sera e, pagina dopo pagina, l’ho divorato e finito questa mattina: non riuscivo a staccarmi, dovevo sapere come si sarebbero evolute le varie situazioni e, con disappunto, ho scoperto che non ci sono risposte, dovrò aspettare il secondo libro.
La Cilli riesce ad imprimere bene nei personaggi tutto ciò che provano e, leggendo, anche il lettore partecipa vivamente a ciò che accade ad Aleksandra – anche se devo essere sincera, i tre fratelli Lamaze mi hanno fatto tanta pena, sono si dei mostri, ma perché ce li hanno fatti diventare: e forse ci sarà una redenzione? Io lo spero tanto.-

Dimostrandomi che non ero nient’altro che una povera, misera donna che, se toccata nei punti giusti da un esperto, non poteva frenare un orgasmo.
Neanche mentre veniva stuprata.
Mi facevo ribrezzo. Il mio corpo mi faceva schifo, giacché si era arreso alla furia di quello così poderoso di Henry, che lo aveva fatto godere con tale vigore.
Non appena ero venuta, avevo avvertito qualcosa spezzarsi in me. La mia determinazione si era dissolta e un vuoto insostenibile aveva preso il suo posto, facendomi solo desiderare di poter porre fine alla mia esistenza seduta stante.

Henry verso la fine del libro è molto combattuto su ciò che deve e vuole fare, lotta contro il sentimento che prova verso questa donna che, dopo tutto ciò che ha subito, non si è spezzata, ma al contrario gli tiene testa e lo sfida.

Dovevo smettere di guardarla. Non così. Non come se fosse mia da proteggere. Mia da possedere. Dovevo allontanarmi immediatamente. Dovevo comandare al mio cuore di rallentare, al mio respiro di tornare regolare. Ma era un’impresa difficile, giacché ogni atomo del mio essere mi spingeva verso la donna che stavo fissando. Era come se emanasse un’energia che mi polarizzava a lei, inesorabilmente.
Come se tra di noi ci fosse un legame.
Un legame che non avevo previsto.
Un legame che non volevo.
Lei era mia. Io non appartenevo a lei.

E per quanto riguarda Aleksandra… l’odio, il disprezzo, la rabbia, la paura si scontrano contro la passione che, nonostante tutto, lui riesce a scatenarle.  Forse perché è riuscita a cogliere la presenza del ragazzino abusato dentro il suo carnefice; forse perché si sente responsabile per quello che suo padre ha fatto a quell’uomo ferito; forse perché, anche se tutto quello che sta vivendo le sembra assurdo ed irreale, riesce a comprendere che una rabbia simile non può essere falsa.

Il mio sesso palpitava ancora per il desiderio insoddisfatto scatenato dalle dita di Henry. Serrai gli occhi, sentendo le lacrime affiorare quando mi premetti due polpastrelli sul clitoride gonfio e ipersensibile per bloccarne le pulsazioni.
Facevo schifo.
Il mio corpo si comportava come quello di una gatta in calore, ma il mio cuore sanguinava odio.
E se fosse stato necessario, lo avrei pugnalato affinché quell’odio straripasse e mi ammantasse come uno scudo che Henry Lamaze non sarebbe riuscito a infrangere.

Quindi Aleksandra combatte una battaglia contro sentimenti contrastanti e violenti, vede e vive sulla sua pelle cose atroci ed umilianti, vorrebbe scappare, ma, in alcuni momenti, vorrebbe rimanere con lui e la sindrome di Stoccolma non centra nulla, perché una passione bruciante ha travolto entrambe le parti in causa.
Un racconto spettacolare, inteso, erotico e violento NON ADATTO per temi e situazioni e a minori ed a persone che non sopportano abusi fisici e psicologici; per tutti gli altri consigliatissimo e fatemi sapere quale fratello Lamaze vi ha colpito di più (io parteggio per Henry), buona lettura.

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

AleLale

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità super hot

Violenza per entrambe le recensioni:

Asce-voto-5

Chiara Cilli è nata il 24 Gennaio 1991, Chiara Cilli vive a Pescara. I generi di cui scrive spaziano dal fantasy all’urban fantasy, dall’erotico al dark romance. Ama le storie d’amore intense e tragiche, con personaggi oscuri, deviati e complicati.
Tra le sue opere troviamo:
EROTIC SUSPENSE
The MSA Trilogy
#1 Sudden Storm
#2 Radioactive Storm
#3 Colliding Storms

DARK CONTEMPORARY ROMANCE
Blood Bonds
#1 Soffocami

ADULT FANTASY / URBAN FANTASY ROMANCE
La Regina degli Inferi
#1 Il risveglio del Fuoco (Edizioni Tabula Fati)
#1.5 Assaporare il Fuoco
#2 Prigionia Mortale
#3 L’Ultimo Respiro
#4 Deserto di Sangue

La guerra degli Dei
#1 I quattro Protetti

ALTRI ROMANZI E RACCONTI AUTOCONCLUSIVI
La Promessa del Leone
Sei sempre stato tu (Sperling & Kupfer – Sperling Privé)

Doppia recensione, Release Week Blitz e Giveaway: “Soffocami (Blood Bonds vol. 1)” di Chiara Cilli
5 su 6 voti

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

BLACK WIZARD: + FORTE DEL TEMPO, di Lullaby

          Disponibile on line dal 20 giugno 2017 ...

error: Contenuti di proprietà di RFS