Home / Adult / Doppia recensione: “Cedi al mio amore – Serie Haardrad Viking Family 3” di Johanna Lindsey

Doppia recensione: “Cedi al mio amore – Serie Haardrad Viking Family 3” di Johanna Lindsey

Trama

Scambiato per una spia, il tenebroso vichingo Lord Selig Haardrad viene torturato nei sotterranei del castello di Lady Erika di Gronwood. Tenuto in catene, in condizioni disumane, un unico pensiero lo sostiene: la vendetta. Ma i suoi piani saranno imprevedibilmente stravolti da un sentimento ben più forte dell’odio: l’amore.

Recensione

Come prevedevo è il libro più bello degli altri, come se la scrittrice avesse fatto una specie di rodaggio con i due precedenti, bellissimo, grazie anche a quel tocco di manzo vichingo che è Selig.
Stavolta la donzella coinvolta è più conforme agli standard umani, cioè non è fuori di testa e pazza come le precedenti, ma infatti non fa parte della famiglia, è una Danese.
Certo, l’orgoglio e la testardaggine non le mancano, e anche quel lato del suo carattere il quale le fa combinare cavolate quando perde la pazienza, e che la fa avvicinare alle sue colleghe di incatenamenti dei libri precedenti.
Ebbene sì, anche in questo libro la pulzella viene ridotta in catene per il piacere e la vendetta di Selig nei suoi confronti, per il modo in cui è stato trattato dalla suddetta.
Andiamo con ordine: Selig, uomo bellissimo figlio di Brianna e Garrick e fratello di Kristen, si ritrova mezzo morto in un luogo a lui sconosciuto, dopo essere caduto in un’imboscata durante un viaggio di ordinanza per conto del Re. Dopo essere arrivato sotto le mura del castello di Erika, Gronwood, febbricitante, ferito e morto di fame, nel suo tentativo di chiedere aiuto sviene e viene trovato dal comandante delle guardie, persona infima e cattiva, che lo imprigiona pensando fosse una spia. Lo crede anche Erica, e dopo averlo interrogato, lo scambia per un Celta a causa del colore dei suoi capelli e per i tratti ereditati dalla madre, rimane affascinata dalla bellezza senza eguali del ragazzo. Selig è in preda al delirio della febbre e dice cose, secondo Erika irriverenti, e in un attimo di furia lo fa fustigare.
Da qui tutta una serie di equivoci che portano i due a confrontarsi, lei con il rimorso, dopo aver scoperto di essere stata ingannata del suo comandante sulle vere condizioni del prigioniero, per averlo frustato quando lui era inerme; e lui perché, nonostante tenti di odiarla, essendo un uomo che adora le donne, comincia a provare una passione per lei che da un lato lo disturba dall’altro l’intriga.
Nel mezzo, la famiglia di lui, soprattutto la madre, che capisce i sentimenti del figlio per la donna e cerca in tutti i modi di aiutarli a svelare le loro carte, invece di scannarsi a vicenda inutilmente.
Libro davvero bello, non solo per la vicenda in se, a tratti veramente ironica se non da morir dal ridere, scorrevole, romantico all’eccesso in alcuni tratti, vedi la scena del lago. Lui poi che ve lo dico a fare, il libro merita solo per poter leggere di Selig, vichingo di due metri, muscoloso e bellissimo, nonché dolcissimo, buono e cucciolone… ne voglio uno anch’io! E per la cronaca, ho adorato Targeis, anche lui trova finalmente la sua fetta di felicità, se la meritava.  Non so come sia stato scritto in italiano, l’ho letto in inglese, quindi non saprei se è stato tradotto bene o meno, ma vale veramente la pena di leggerlo. Dispiace solo che la serie finisce qui, perché mi sarebbe piaciuto leggere ancora le vicende della famiglia Haardrad, l’ho trovata una lettura piacevole, senza pretese e capace di farmi sognare nel modo giusto. Certo ci vorrebbero più Selig nelle nostre vite, ma accontentiamoci di poter volare con la fantasia leggendoli.

Recensione a cura di:

BethQhuay

Recensione

Eccomi di nuovo con voi per parlarvi dell’ultimo capitolo della saga Haardrad…(lacrimuccia).
In questo libro troviamo il mio personaggio preferito in assoluto, Selig, figlio di Brenna e Garrick, i protagonisti del primo libro e fratello di Kristen che troveremo poi felicemente sposata con Royce nel secondo capitolo. Selig… un nome una garanzia, capace di strapparti sospiri e farti gli occhi a forma di cuore. Bello, bello e consapevole di esserlo, una statua, lunghi capelli mori e occhi grigi come il cielo invernale.
Per completare i protagonisti, insieme a Selig faremo la conoscenza di lady Erika.
Devo essere onesta, dal principio, questa piccola strega non mi stava molto simpatica, ma continuando a leggere, mi sono affezionata a lei come a tutti gli altri protagonisti.
Forse… e dico forse, questo è l’unico libro dei tre in cui è scesa qualche lacrima, quello che deve sopportare Selig nei primi capitoli è davvero una cosa indecente, ma quello che più mi è piaciuto, è che l’autrice riesce a portarti a pensare che la causa di tutti i mali sia proprio Erika.
Continuando a scorrere le pagine, vediamo la situazione tra i due ribaltata e l’odio e il rancore ne fanno da padrone per buona parte del libro.
Infine, arriva l’amore… quando i due, finalmente direi, riescono a chiarirsi, vieni fuori il Selig di cui ci siamo innamorate nei libri precedenti, dolce, tenero e pieno d’amore.
Anche qui, vediamo il bellissimo temperamento delle due donne vichinghe che tanto stimo… temerarie e inflessibili!!! Madre e figlia pronte a combattere per tutti coloro che amano!!! Bellissimo.
Non posso dirvi niente riguardo la traduzione e l’editing di quest’ultimo capitolo, in quanto avendolo letto in lingua, non posso minimamente sapere come sia il risultato in italiano, ma…lingua o non lingua, vi assicuro che riuscirà a farvi battere il cuore.
Quindi cosa aspettate?

Recensione a cura di:

Samanta

Editing per entrambe le recensioni a cura di:

Tayla

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità hot

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Il Re di Wall Street – Serie: Collection #o.1” di Louise Bay

È il re di Wall Street… ma non ...