Da non perdere
Home / Interviste inedite perRFS / Autrici a confronto: Quattro chiacchiere con ‎Angela C. Ryan, Patrisha Mar e un ospite speciale!

Autrici a confronto: Quattro chiacchiere con ‎Angela C. Ryan, Patrisha Mar e un ospite speciale!

Continuano le interviste di RFS. Oggi abbiamo il piacere di intrattenerci con Angela C. Ryan e  Patrisha Mar. Special guest… Katherine Keller!

Scritte-Nuove-sito intervista esclusiva

Un colore per la tua socia… Rosso o Nero?

Angela: Per Patty? Nero, non perché è oscura e malefica, tutt’altro. Solo perché so che le piace.
Patrisha: Rosso, perché quando scrive la agita il fuoco della vera passione!

Che Katherine Keller sia uno pseudonimo mi sa che ormai lo sappiamo tutti. Che sia quello di Angy e Pat non credo sia una novità, e sappiamo pure che è la fusione dei nomi dei protagonisti della serie tv preferita di Angela (Beauty and the beast). Pat… hai avuto almeno voce in capitolo nella scelta dello pseudonimo o ha fatto tutto Angela?

Patrisha: Angela ha proposto lo pseudonimo e mi è piaciuto subito. È efficace e musicale, inoltre permette soprannomi come KK, siamo un po’ come le gemelle Kessler del fantasy, giusto?

Foto durante l'intervista. E in effetti una certa somiglianza c'è!

Foto durante l’intervista. E in effetti una certa somiglianza c’è!

Come vi siete conosciute?

KK: La passione per Smallville ci ha accomunate, ci siamo conosciute in un gruppo creato su facebook da Patrisha proprio su Smallville. Scoprendo di avere molti gusti simili, abbiamo cominciato a sentirci e chattare e alla fine ci siamo conosciute personalmente, in quanto Angela era venuta in vacanza nella zona dove vive Patrisha e siamo ancora qui, amiche come prima, se non più di prima.

Ne è passato di tempo dal vostro primo romanzo “a quattro mani”. Il fatto di scrivere a distanza, nel tempo vi viene più facile? Avete cambiato qualcosa, nel modo di sentirvi per mettere giù le idee, o “impallate” sempre le chat?

KK: Impalliamo le chat: mai definizione fu più azzeccata. In realtà usiamo un metodo tutto nostro. Il social ci aiuta non poco. Organizziamo uno stato di partenza, e da lì proseguiamo nella stesura del capitolo, ovviamente il tutto è sapientemente nascosto al pubblico. Andiamo come di presa diretta in uno show televisivo, scriviamo in tempo reale, senza sapere come si comporterà il personaggio dell’altra, in questo modo le reazioni dei personaggi sono originali e sorprendenti anche per noi. Un modo divertente e che offre parecchie possibilità. Chiaro che poi quando abbiamo finito, procediamo con revisioni alternate per rendere i nostri stili amalgamati e per migliorare la qualità del romanzo con un editing massiccio.

Dai vostri libri sembra che vi divertiate un mondo assieme. E’ sempre così? *si siede comoda con pop-corn alla mano in attesa della risposta*

KK: Assolutamente sì. Scrivere insieme è un reale divertimento, soprattutto quando i personaggi decidono di farsi i fatti loro e noi a corrergli dietro come pazze. Ed è una cosa che succede anche troppo spesso. Ma alla fine, abbiamo appurato, hanno sempre ragione loro. Perciò, la maggior parte delle volte, lasciamo carta bianca. In definitiva, scrivere a quattro mani ci rilassa oltre che divertirci, perché ci dà modo di confrontarci su diversi aspetti della stesura del romanzo. Il fatto poi di essere grandi amiche, al di là della scrittura, rende tutto più naturale, vero. Ci piace interagire, passare del tempo insieme. La scrittura diventa assolutamente una gioia.

Dite la verità, vi vedete realmente come “suocere” delle vostre affezionate lettrici o anche voi, come loro, siete perdutamente innamorate dei vostri personaggi maschili? *in attesa della risposta accendono il furgone e prendono le armi per un eventuale missione punitiva*

Angela: personalmente mi vedo assolutamente suocera, dato che considero i miei personaggi piezz e core. Sono tutti come dei figli. Proprio non riesco a vederli come degli amanti. Per le altre forse, ma non certo per me che li ho creati. Ma d’altra parte, quale mamma non è innamorata del proprio figlio? Quindi sì, potrebbe essere vista anche così, ma si tratta di un amore del tutto diverso rispetto a quello delle nuore.
Patrisha: Come dice Angela, dovrei tecnicamente essere la mamma dei miei personaggi, quindi dovrei essere molto suocera, ma ammetto che a volte mi innamoro di loro, che posso farci? Certo che così suona male!!!

Vi é capitato di essere in disaccordo su un personaggio? Se sì come avete risolto?

KK: Non siamo mai state davvero in disaccordo. Magari abbiamo affrontato punti di vista diversi, ma non sono mai stati motivo di contrasto. Solitamente li risolviamo con delle conferenze al vertice, impallando, come già detto prima, le chat.

Quanto di te c’è nei vari personaggi? Quale rispecchia di più la tua personalità? Per i personaggi maschili….rispecchiano quello che vorresti in un uomo?

Angela: Se parliamo della Shadow Saga: di Alexander il demone mi appartiene l’ironia, un po’ la faccia tosta. Di Shezeliel l’angelo, la saggezza (quando ne ho voglia) e l’integrità. Di Sophia la cacciatrice mi appartiene la testardaggine. Di Chris il vampilupo, mi appartiene la consapevolezza di piacermi così come sono, senza se e senza ma.
Se parliamo dei miei lavori da solista finora pubblicati, quelli che conosce la maggior parte della gente perlomeno, direi che Abby è senz’altro quella che mi somiglia di più, soprattutto per quanto riguarda la positività. Diciamo pure che sono io sotto mentite spoglie. Alla fine, ogni personaggio che ho scritto ha qualcosa di me. Chi più, chi meno.
Patrisha: Ammetto che quando “nasce” un personaggio nella mia testa e poi lo trasferisco sulle pagine del romanzo avviene con grande naturalezza, inizia a parlarmi e dirmi chi è, mostrando la sua natura e personalità man mano che scrivo, senza che io lo abbia ingabbiato in maniera rigida o che gli abbia volutamente inculcare qualche mia caratteristica. Probabilmente qualcosa di me passa anche nei miei personaggi. Posso dire che nella Shadows Saga, di Denamora ho il credere nel vero amore, quello che ti cambia la vita; di Tiana questo suo saper ascoltare le persone, amo di lei la sua dolcezza; di Lance credo di avere la risposta pronta, questo suo essere ironico, ma controllato; di Lara la voglia di essere sempre allegra, piena di vita, e fuori di testa. Dei miei personaggi in solitaria, penso che per certi versi Virginia De Michele di La mia eccezione sei tu sia quella che mi assomiglia di più. I miei personaggi maschili a volte hanno quello che vorrei in un uomo, nel mio ideale, ma si presentano in modo assolutamente originale, quindi non sempre corrispondono al mio canone maschile preferito!

Qual è la tua fonte di ispirazione? Qual è stato il libro/telefilm che ti ha fatto innamorare?

Angela: Mio marito. Strano lo so, ma è davvero lui la mia prima, reale, fonte di ispirazione. Scusate, è che sono troppo in love. Oltre a lui, traggo ispirazione da qualsiasi cosa mi susciti un’emozione, persino la pubblicità in TV, una canzone, un film, una serie, un paesaggio. Il libo che mi ha fatto innamorare? WOW! Troppi ne dovrei elencare, ma la Shadowhunters Saga è in pole position, poi Storia catastrofica di te e di me. Per quanto riguarda il telefilm come potrei non dire Smalville? Primo, grande e assoluto amore. Ma anche qui, ne seguono a bizzeffe, iniziando da Supernatural e terminando con il più recente Beauty and the Beast. Quindi parliamo quasi in tutti i casi di serie basate su argomenti Fantasy o Sci-Fi. Cosa ci posso fare: è un vizio.
Patrisha: A volte non ho una vera fonte di ispirazione, non so come funziona, ma all’improvviso scatta un interruttore. Magari sto facendo la cosa più assurda o normale del mondo come la spesa al supermercato o una passeggiata con mia figlia e all’improvviso dal niente mi arriva un’idea. Qualche volta è stata stimolata da una situazione vissuta, come nel caso di La mia eccezione sei tu, quando un’amica mi ha linkato per divertimento il servizio fotografico osé di David Gandy e mi sono chiesta cosa avrebbe provato la sua ragazza a sapere che tutto l’universo femminile sarebbe morto guardandolo. Un libro solo è impossibile da citare, ne ho troppi troppi!!! Partiamo da Persuasione di Jane Austen, Jane Eyre e Shirley di Charlotte Bronte, My little Dorrit di Charles Diskens per citarne solo alcuni del passato; contemporanei tra i principali direi l’intera saga di Black Friars di Virginia de Winter, per cui ho un amore folle; ho amato Il cavaliere d’inverno di Paullina Simons, La figlia del matematico di Laura Kinsale, La corsa delle onde di Maggie Stiefwater, Cuore nero di Amabile Giusti, e come la mia socia sociosa, tutta la saga di Cassandra Clare!
Per i telefilm rischiamo un altro elenco chilometrico. Smallville è il mio must, ma amo tante serie come Friends, Big Bang Theory, Castle, White Collar, Beauty and the beast etc etc…

Vampilupo, zanzarina, pennuto… no beh…parliamone!

KK: Parliamone, certo, quando volete! Ma se ben ricordiamo, abbiamo argomentato parecchio sull’argomento. Ci fa comunque piacere discuterne ancora. Vampilupo, zanzarina e pennuto, sono sempre a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento in merito alle loro storie. Beh, magari pennuto deve ancora raccontare la sua, ma arriverà, abbiate fede, arriverà.

Vision.Angy ha appena pubblicato Vision.

la mia eccezione sei tu - P.MarPat è uscita con La mia eccezione sei tu.

Progetti futuri assieme e da sole..

Angela: Tanti, troppi. Terminerò con la mia socia Pat, la stesura del romanzo della Shadow Saga su Shezeliel. Proseguirò le Star Heroes Chronicles con gli spin off su Jay e Dakota, Lexion e probabilmente il prequel su Samuel. Pubblicherò quanto prima una duologia fantasy terminata ormai da parecchio tempo, in attesa solo di editing, a cui aggiungerò degli eventuali spin off e appena mi diranno che le giornate si saranno allungate di almeno altre 24 ore, comincerò a scrivere un distopico che ho in mente da parecchio.
Patrisha: Oltre a White shadow con Angela, vorrei ultimare lo spin-off dei Protettori dell’Oracolo incentrato su Elias Green, anche se cominciano a premere di nuovo Daniel e Sara per il seguito di La mia eccezione sei tu. Ho inoltre in mente altre trame per dei romance e per un romanzo drammatico, insomma datemi tempo per scrivere, perché mi serve!!!

Piatto preferito

Angela: Basta che sia buono. Ok… pasta e pizza.
Patrisha: Anche io pizza, la adoro, me la sparerei in vena se potessi. E poi i dolci, vado matta per le torte come la sacher o la torta meringata, o il tortino di cioccolata.

Un pregio e un difetto della socia

Angela: Pregio: Pat è sempre disponibile. Difetto: Pat è una rompina ansiosa quando ci si mette. Ma la lovvo lo stesso.
Patrisha: Pregio: la sincerità, cosa preziosa di questi tempi! Difetto: un panzer a sfondamento a volte un po’ troppo aggressivo ahahah

Un saluto a chi sta leggendo

Care/i lettrici/ori, se avete avuto il coraggio di leggere questa intervista, avete di sicuro tutta la nostra stima. Un caro saluto e, se non avete di meglio da fare, continuate a seguirci.
Con affetto,
Angie&Pat, Premiata Ditta.

 

Un grazie di cuore da tutto lo staff di Romanticamente Fantasy Sito per essere state con noi. Gentilissime tutte e tre (XD) e speriamo di avere presto notizie dei vostri prossimi libri!

E se posso darvi un “velato e disinteressato” suggerimento…

shezelielpoi…

elias         e jay.dak rfs

 

 

 

 

 

e via discorrendo!

Separatore-Grigio-e-Rosso

Katherine Keller è l’alterego letterario di Angela C. Ryan e Patrisha Mar, due amiche che condividono moltissime passioni tra cui la scrittura, il fantasy e soprattutto Smallville che le ha fatte conoscere alcuni anni fa.
Entrambe hanno pubblicato anche in solitaria: Angela il suo romanzo d’esordio Biscotti alla vaniglia e i romanzi di fantascienza Hunted e Vision, mentre Patrisha i fantasy I Protettori dell’Oracolo – Buio e Luce e il romance contemporaneo La mia eccezione sei tu.
Tutte e due adorano entrare in libreria, gironzolare tra gli scaffali e scegliere i libri da comprare. Preferiscono immergersi nella magia di un bel romanzo piuttosto che guardare la televisione, anche se non disdegnano alcuni serial americani che sono oggetto di lunghe e divertenti chiacchierate.

Autrici a confronto: Quattro chiacchiere con ‎Angela C. Ryan, Patrisha Mar e un ospite speciale!
5 su 4 voti

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

A tu per tu con: Emiliana de Vico

.. Diamo un grosso benvenuto a Emiliana de Vico nel salotto di ...

error: Contenuti di proprietà di RFS